La filosofia olistica di Paolo Ghislandi (Cascina i Carpini)

Ascolto. Osservazione. Conoscenza. Consapevolezza. Lungimiranza. Caparbietà. Personalità. Solo alcuni aggettivi per descrivere Paolo Ghislandi, produttore di grandi vini sui colli tortonesi. La sua filosofia? Il rispetto per la natura, per i suoi cicli, la fiducia che ripone nella sinergia tra le forme viventi plasmate dall'evoluzione nel corso del tempo. La vigna è immersa nell'ambiente, ne fa parte e tutto ciò che serve per fare il vino lo fornisce la natura stessa. Ghislandi non interviene in alcun modo che possa alterare un equilibrio naturale, sia in vigna che nei processi di vinificazione. Lui ascolta, interpreta, educa la vite quasi parlandole. Vorremmo definirlo un approccio zen, ma forse è più corretta la sua definizione: approccio olistico. Vuol dire che il suo Timorasso, la sua Barbera, il Merlot, il Cabernet, sono frutto di una perfetta sintonia tra il lavoro dell'uomo e la natura in cui egli opera. Vini di grande personalità, potenti, delicati, che evolvono, che emozionano. Difficile sintetizzare le emozioni e tutto quello che abbiamo vissuto durante una visita alla sua azienda, la Cascina i Carpini. E' un viaggio che consigliamo di fare. Non solo attraverso la degustazione dei suoi vini, ma attraverso il suo racconto.


20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti