top of page

Il vino del Castello di Ladyhawke!

C’è un castello nel Parmense, non lontano da Langhirano, la Terra, la Patria del prosciutto (e non solo). Parliamo del Castello di Torrechiara. In questa storica roccaforte, una tra le meglio conservate in Italia, sono state girate alcune scene del famoso film “Ladyhawke” con Rutger Hauer e Michelle Pfiffer, nel 1985 per la regia di Richard Donner. Noi di 7Grappoli, sulle ali del mito, siamo stati in visita alla Cantina del Borgo, una piccola azienda vinicola che si trova proprio all’interno del borgo medievale, ai piedi delle mura del castello edificato tra il 1448 e il 1460. La zona è circondata da campi coltivati, tra i quali ovviamente sono presenti anche quelli condotti a vigneto. Addirittura in alcuni affreschi all’interno del Castello fanno capolino verdi foglie di vite ad ornare paesaggi bucolici. Con un piccolo sforzo di immaginazione, eliminando alcune componenti antropiche, per esempio relative alla moderna viabilità, la rocca ci riporta immediatamente a tempi antichi non appena si lanci lo sguardo dalle terrazze delle stanze affrescate di questa residenza ricca di storia e di passione. il Castello di Torrechiara fu fatto erigere dal condottiero Pier Maria II de’ Rossi, detto il Magnifico, per gli incontri amorosi con la sua amante, la duchessa Bianca Pellegrini di Arluno. In questo suggestivo contesto, reso intrigante dalle vicende di corte, non è difficile immaginare momenti conviviali tra il padrone del castello ed il suo entourage, come diremmo ai giorni nostri. Certamente però qualcuno è rimasto ad abitare questi luoghi ininterrottamente fin da allora, seppur con l’evoluzione del metodo nel tempo: il vino. Castello per castello, ci ricolleghiamo all’aforisma attribuito al monarca Edoardo VII: "Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e… se ne parla”. Seguiamo allora il consiglio di Edoardo VII. La Cantina del Borgo fa capo all’Azienda Agricola Vicari Giuseppe. La fondazione risale al 1965, ma la storia ci riporta al 1940 dove, in un contesto familiare, l’attività agricola era già presente. I vigneti sono circostanti il castello e i vini prodotti sono:


  • Malvasia dell’Emilia IGT frizzante dolce;

  • Colli di Parma DOP Malvasia secca frizzante;

  • Colli di Parma DOP Bonarda dolce;

  • Colli di Parma DOP Barbera vivace;

  • Colli di Parma DOP Barbera.


Le punte di diamante della cantina sono due barbere dall'anima mitologica. La prima etichetta si chiama "Nunc et semper" (ora e sempre), frase affrescata nella stanza in cui il Magnifico e la Pellegrini avevano il loro nido d'amore (la famosa "Camera d'oro") e che il fantasma del de' Rossi ripete nelle notti di plenilunio aggirandosi nel castello, come leggenda narra! L'altra è una bottiglia che custodisce un mistero! Come ogni castello che si rispetti, anche quello di Torrechiara ne ha uno. E quale mistero migliore se non quello racchiuso nella poesia del vino? Ma andiamo con calma: i vini sono ottenuti lavorando in vigna e in cantina con grande rispetto per la natura ed i suoi ritmi (fatto sottolineato più volte nel nostro incontro col sig. Vicari). Il metodo di allevamento è quello tipico usato nella zona: il guyot. Le bottiglie vengono fatte riposare in un antro sotterraneo a cui si accede con un montacarichi, quasi fosse l’ascensore che conduce il maggiordomo Alfred e Bruce Wayne alla Bat-caverna. L’antica cisterna d’acqua che andava ad abbeverare il bestiame di tanti anni fa, in cui sono stati ritrovati reperti archeologici dell’Età del Bronzo, è stata ingegnosamente trasformata in cantina e proprio lì viene custodito il mistero del Ros d’la Pepa. Non è dato sapere il suo segreto (se no, che segreto è??), ma pare che chi lo assaggi lo riconduca a sentori tipici del Cabernet Franc, chi alla Syrah, chi al Refosco dal Peduncolo Rosso, chi addirittura al Malbec argentino! L’etichetta afferma essere una Barbera antica autoctona, ma l’origine è tutt’ora incerta! Lo abbiamo assaggiato e…ci ha sorpreso. Volete saperne di più? A breve uno speciale sulla degustazione!




12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page